FAQs peso e dipendenza da zucchero

Allen Carr’s Easyway ti aiuterà a tornare ad essere felice e libero ed ad imparare a controllare
e gestire il tuo peso senza bisogno di contare le calorie o di continue diete.
Qui di seguito troverai alcune delle domande che ci vengono poste di sovente; cliccandole compariranno le risposte.
Se avessi bisogno di ulteriore assistenza o avessi una domanda che non compare tra quelle che seguono non esitare a contattarci.

Allen Carr è stato un fumatore accanito – era solito fumare anche 100 sigarette al giorno – sino a quando, dopo numerosi fallimenti, riuscì a smettere nel 1983. Fu allora che strutturò il suo individuale metodo per smettere di fumare. Si rese conto di aver trovato quello che ogni tipo di fumatore aspettava ovvero un modo facile per liberarsi dal fumo e l’enorme successo che ottenne gli confermò questa sua convinzione.

Il seminario di ca 6 ore che aveva ideato e che teneva, inizialmente, nella sua casa di Londra è ora disponibile in numerose città del Regno Unito ed in oltre 50 nazioni che vanno dalla Russia all’Australia, dagli Stati Uniti d’America alla Nuova Zelanda, dal Sud Africa all’Ucraina, dal Messico alle Mauritius, dall’Europa al Cile mentre la Sede Centrale è rimasta a Londra.

L’aspetto interessante di Easyway è che può essere usato con successo per ogni tipo di dipendenza e per risolvere molte problematiche. Carr stesso ed il suo team si sono impegnati ad applicare il metodo ad argomenti che vanno dall’etilismo alla cattiva alimentazione, dalle droghe in generale al gioco sino alla paura di volare.

Domande frequenti

Peso e Dipendenza da zucchero

Certo ma solo nel modo corretto. Il comprendere Easyway cambierà la tua relazione con il cibo e lo zucchero e sarai in grado di uscire con gli amici e mangiare il tuo nuovo cibo preferito senza venir tentato da quel che mangeranno.

Sappiamo che è difficile da credere ma credici: sarai felice e privo di tentazioni. Ma ancor meglio, non diverrai uno di quei tremendi “mangiatore di schifezze pentito” ovvero qualcuno che fa una dieta e, di conseguenza, tormenta e arringa i propri amici perché lo seguano nella sua ultima mania.

I tuoi amici, i colleghi e i tuoi famigliari resteranno stupiti dalla facilità con cui sarai in grado di affrontare la vita e tu non sentirai alcun senso di privazione.

 

COSA TI IMPEDISCE DI ESSERE LA TAGLIA CHE VORRESTI?

Le persone credono di ottenere una qualche sorta di reale piacere o beneficio dal mangiare cibo spazzatura. Temono che, se riuscissero a perder peso, sarebbero infelici e tormentati da un continuo senso di mancanza per il resto della vita e che dovranno faticare per non cedere.

D’altra parte, in aggiunta a queste paure, sono angosciati dagli aspetti negativi legati ad un peso eccessivo: i timori per la salute, il disagio sociale, la schiavitù ed anche se si sforzano di non pensarci, questi timori restano come una nuvola scura in fondo alla loro mente.

Queste sono le ansie che ti tengono aggrappato al cibo spazzatura ed agli zuccheri ed Easyway, eliminando il bisogno e il desiderio di mangiare cibi spazzatura o mangiare in eccesso, rimuove le paure che ti tengono imprigionato.

Sia che tu abbia un problema con il fumo o la nicotina in generale, con l’alcol, il peso, il gioco o persino la paura di volare, il metodo funziona in maniera opposta a tutti i programmi che fanno leva sulla forza di volontà.

Easyway non si concentra sui motivi per cui dovresti cambiare: conosci bene quanto ti costi la tua dipendenza o il tuo problema e la schiavitù, i rischi per la salute e l’emarginazione che ne derivano.

Easyway, invece, si focalizza sul perché continui ad agire come agisci nonostante gli ovvi svantaggi.

Qualunque sia il problema che vuoi risolvere non usiamo tattiche terroristiche o immagini scioccanti sulle sue possibili conseguenze – ne conosci già benissimo gli aspetti negativi.

Esaminiamo, invece, e correggiamo tutte le convinzioni errate che ti tengono intrappolato e non ci occupiamo solo dell’aspetto fisico ma anche di quello mentale.

Potrà stupirti ma, in generale, l’incidenza per le dipendenze o altri problemi è 1% fisica e 99% mentale.

Chi soffre di una dipendenza crede di ottenere un qualche vero beneficio o piacere da quel che assume o fa; è convinto che lo aiuti a godersi la vita, affrontare lo stress, rilassarsi, socializzare o di ottenerne una gratificazione. Questi sono i motivi per cui teme che, se anche riuscisse a smettere, sarebbe triste e perseguitato da un senso di mancanza per tutta la vita.

In aggiunta a queste paure teme anche gli aspetti negativi della sua dipendenza o del suo problema: le ansie per la salute, l’emarginazione, i costi, la schiavitù ed, anche se si sforza di non pensarci, questi timori sono una costante nube nera in fondo alla sua mente.

Sono queste le paure che lo tengono accalappiato e sono quelle che Easyway rimuove e il risultato sarà un grande senso di libertà; tutte le sensazioni di perdita saranno rimosse e non si sentirà alcun senso di mancanza.

È un’idea sbagliata molto comune ritenere che occorra forza di volontà per perder peso o non consumare zuccheri e il solo crederlo può rendere difficile smettere. Ma occorre davvero forza di volontà o non è piuttosto una diversa prospettiva ciò di cui abbiamo veramente bisogno?

La volontà è necessaria solo quando si cerca di non fare qualcosa che si vorrebbe fare ma se non la si vuol fare non abbiamo bisogno di forza di volontà. La difficoltà che molti incontrano viene dal fatto che, nonostante vogliano smettere di assumere zuccheri, vogliono continuare a mangiare cibi che rendono difficile non farlo e vogliono continuare a cibarsene perché sono convinti di riceverne una qualche sorta di piacere o supporto.

Easyway ti mostra come mutare la tua prospettiva non solo rispetto al mangiare in eccesso ma anche riguardo quel che sono i cibi che veramente ti piacciono in modo da non lasciare alcun desiderio di cibo spazzatura. Senza desiderio non è necessaria la forza di volontà. Unisciti ai milioni di persone che hanno cambiato la propria esistenza grazie a questo semplice diverso approccio.

Cosa ci induce a prendere una decisione a favore della salute?

Molti tenderanno a prenderla per vanità cioè sulla base delle apparenze piuttosto che per la salute in se stessa. I fumatori sanno bene che il fumo può causare il cancro e che danneggia il cuore e la circolazione. I clienti che partecipano ai nostri seminari per il tabagismo spesso ci dicono che i segni esteriori sono quel che li hanno spinti a prendere una decisione. Inutile dire che preoccuparsi per quei segni non facilita lo smettere di fumare ma potrebbe farci scegliere di provare a farlo.

IN CHE MODO FUMARE INFLUISCE SULLA PELLE?

Le sigarette contengono monossido di carbonio – che elimina ossigeno dalla pelle – e nicotina – che riduce il flusso sanguigno lasciando l’epidermide secca e opaca.

Il fumo impoverisce molti nutrienti, compresa la vitamina C, che aiuta a proteggere e riparare la pelle. Potresti essere molto attento a tenerti in forma o avere una dieta rigorosa ma il fumo annullerà tutto quanto. Purtroppo, anche una costosa cura della cute non sarà in grado di togliere gli evidenti segni del fumare.

E CHE IMPATTO HA L’ALCOL?

L’alcol impedisce la buona idratazione della pelle e in cambio (molto gentilmente) la lascia secca, rossastra e gonfia. Non un bel vedere!

L’epidermide è l’organo più ampio del corpo e bere in eccesso la lascia disidratata. La pelle secca è più propensa alle rughe che, ovviamente, ci invecchiano. In aggiunta, l’alcol toglie la Vitamina A dal corpo, elemento base per il rinnovo della cute; questo è il motivo per cui potresti avere un colorito grigiastro dopo una serata passata a bere. L’alcol può anche influire su condizioni cutanee preesistenti come la rosacea o la psoriasi, causandone un peggioramento o crisi più frequenti.

L’idratazione è veramente importante e bere acqua è l’unico modo per combattere gli effetti disidratanti dell’alcol. Quando gli manca ciò di cui ha bisogno il tuo corpo immagazzina quel che può. Quindi, se sei disidratato, la tua cute spesso si gonfierà poiché i tessuti trattengono l’acqua.

LO ZUCCHERO INFLUENZA LA CUTE! DAVVERO?

Ebbene sì. Lo zucchero è un altro colpevole quando si parla di danni all’epidermide. Non vi è motivo di spendere un sacco di soldi per costose creme quando poi la tua alimentazione comprende un sacco di zucchero raffinato e carboidrati trattati. Puoi proteggere e idratare la cute dall’esterno con unguenti, ma hai bisogno di nutrirla e stimolare la crescita di forti cellule del derma dall’interno e gli “zuccheri cattivi “sabotano il processo.

Zuccheri raffinati in eccesso o carboidrati trattati causano un innalzamento del livello di zucchero nel sangue che poi si abbassa e rialza portando ad uno stato infiammatorio. L’infiammazione della pelle causerà eruzioni cutanee e foruncoli.

La velocità non è essenziale quando si parla di perder peso poiché non ha senso diminuire di 6 Kg in due settimane se poi, nel mese successivo, li si riprende. Sarai d’accordo se affermo che questo non è il “modo più veloce” per perder peso, vero?

Cambiare la tua alimentazione perché il cibo che sembra piacerti pare essere, però, quello che ti fa sempre ingrassare può risultare un’esperienza tremenda: desiderare il cibo che ti manca, sentirtene privato, avvertire una continua sensazione di fame e, diciamolo, provare una continua sensazione di tristezza. Un’esperienza che dura quanto può durare il tuo continuo esercitare la forza di volontà e fa sembrare privi di significato i giorni, le serate a cena fuori, le feste e i semplici piaceri della vita.

Cambiare invece la tua alimentazione perché capisci che dipendevi da cibi che ti portavano ad aumentare di peso e che la dipendenza rovinava il tuo gusto naturale e le tue vere preferenze, rende più semplice liberarsi del cibo che ti crea problemi mentre continuando a sorridere, a goderti la vita, andare alle feste e a divertirti. La perdita di peso e il controllo di quest’ultimo diventano facili e piacevoli e, ancora più importante, restano tali per il resto dei tuoi giorni.

Cosa c’è di così sgradevole nel perdere 1kg-1,5Kg alla settimana. E’ fantastico. Fanno 2-3kg in due settimane, 3- 4,5 kg in 3 settimane e 4-6 kg in un mese! Se ti risulta facile allora è una passeggiata e, a seconda di quanto peso vuoi perdere, puoi vedere un strada semplice e accessibile verso la salute ed il benessere piuttosto che un oscuro e snervante sentiero. Questo non è solo il modo più facile per perdere peso ma anche il più veloce metodo per farlo e, ancor più importante, per non riacquistarlo.

Il motivo per cui brami cibo spazzatura, cioccolato, caramelle o altri dolci è che sei dipendente dallo zucchero e dai carboidrati. Non tutti questi sono negativi ed è quindi di aiuto sapere quali sono quelli che generano problemi. I cibi che contengono zuccheri raffinati che causano una dipendenza sono semplici da riconoscere mentre è più difficile per i carboidrati ma è importante farlo.

Gli ovvi cibi con zucchero raffinato che genera assuefazione sono cioccolata, dolci, biscotti, dolcetti, merendine, caramelle, gelato, sciroppi e paste, insomma qualunque cosa contenga zucchero raffinato. Classifichiamoli come “Zucchero cattivo”.

Più complessa diventa la faccenda quando si parla di carboidrati che generano dipendenza: cibi come la pasta, le sfoglie, il pane, il riso, le patate, le patatine fritte possono venire considerati “Carboidrati cattivi”.

La maggior parte del cibo spazzatura genera una rilevante dipendenza; la maggior parte dei cibi processati contiene zucchero raffinato e carboidrati lavorati. Tra questi vi sono ovviamente tutti i “fast food”, le salse pronte, i cibi pronti, etc.

Anche le bevande possono causare problemi; qualunque bevanda che contenga zucchero ma anche, per alcune persone, bevande con livelli di frutta concentrata (centrifughe, etc.) possono causare problemi per quel che riguarda i livelli di zucchero nel sangue (coinvolti nella dipendenza da “Zucchero cattivo” e “Carboidrati cattivi”). Anche l’alcol gioca un ruolo importante nell’acquisizione di peso e poche persone riescono a dimagrire se continuano a bere anche moderatamente ma frequentemente.

Occorre capire la dipendenza dallo zucchero e dai carboidrati ed è questo loro aspetto che rende difficile per alcune persone fermarsi a “due biscotti” oppure “solo due cioccolatini” o un “piccolo piatto di pasta”.

La moderazione NON E’ la soluzione. Se capisci che un eroinomane non può avere un pochino di eroina ogni tanto e che un alcolista non può avere il bicchiere occasionale allora capirai perché chi dipende dallo zucchero o dai carboidrati trovi difficile moderarne le quantità che ne ingerisce.

Quando ciò che mangi è povero di sostanze nutrienti – e lo zucchero raffinato e i carboidrati lavorati ne fanno parte –  allora mangi in eccesso e senti il bisogno di continuare a mangiare. Di solito questi cibi sono privi di sapore e sgradevoli ragion per cui vengono mischiati con “cibo vero” come salse a base di frutta o verdura. Spesso è proprio questo piccolo elemento di “vero cibo” che apporta un minimo di valore nutritivo per es. il pomodoro nella salsa sugli spaghetti. Il tuo cervello non avrà riconosciuto che hai mangiato sino a quando avrai ingerito una quantità sufficiente di nutrimenti e avrai quindi la tendenza a mangiare carboidrati amidacei o lavorati sino a quando ti sentirai “scoppiare”. Per quel che riguarda lo zucchero avrai la propensione a ingerire quantità sempre maggiori di un determinato alimento arrivando a sentirti disgustato con te stesso per es. cioccolatini, biscotti, dolci, caramelle, etc.

L’unico modo per ottenere la libertà da problemi di peso che duri tutta la vita è mutare il modo in cui vedi il cibo spazzatura, lo zucchero cattivo e i carboidrati cattivi. Se hai la sensazione che devi fare a meno di qualcosa che ti piaceva avrai la tentazione di tornare a mangiarlo; se invece capisci che hai lasciato dietro te qualcosa che ti imprigionava e ti faceva star male allora ti sentirai libero. I libri di Carr “Zucchero buono zucchero cattivo” e “E’ facile controllare il peso se sai come farlo” ti aiuteranno a vedere la tua dipendenza nella giusta luce.

Load More